Strategie di migrazione al cloud: come fare la scelta corretta

In questo articolo esaminiamo le differenti strategie di migrazione al cloud e riportiamo alcuni suggerimenti per fare la scelta corretta

Il cloud computing non è qualcosa di nuovo per il business.
Sebbene la gran parte delle aziende utilizzi i propri server locali per mantenere l’infrastruttura IT, la pandemia ha apportato alcune modifiche alle abitudini delle organizzazioni, grandi o piccole che siano.

Oggi le imprese scelgono di migrare verso il cloud abbandonando i sistemi legacy, per garantire la continuità dei processi e adottare una sicurezza più ampia.

La migrazione al cloud indica il percorso di spostamento delle operazioni di un’azienda nel cloud e, di solito, si riferisce al trasferimento da data center locali o infrastrutture legacy sulla nuvola.

In termini semplici, l’implementazione del cloud si riferisce al modo in cui il software viene reso disponibile. A sua volta, ciò influisce su chi può accedere ai dati sul cloud e in che modo. 

Ci sono tre modelli principali:

• Cloud pubblico: questo modello di cloud computing implica la messa a disposizione del pubblico su Internet delle risorse digitali nel cloud. Google, Facebook sono esempi di servizi pubblici. I cloud pubblici sono gratuiti per i clienti o offerti su abbonamento (ad esempio, PaaS, SaaS).

• Cloud privato: noto anche come “cloud aziendale”. A differenza del cloud pubblico, serve una singola azienda e non fornisce l’accesso a utenti non autorizzati. 

• Cloud ibrido: come si evince dal nome, questo modello è una combinazione di infrastruttura on-premise, cloud pubblico e cloud privato. Le grandi aziende in genere lo utilizzano per conservare dati importanti in privato e vari servizi orientati al supporto in pubblico

Strategie di migrazione al cloud: come fare la scelta corretta

Perchè migrare al cloud

Vale davvero la pena migrare al cloud? Come fare la scelta corretta?

Possiamo riassumere i benefici in sei punti specifici: riduzione dei costi, scalabilità, sicurezza, affidabilità, implementazione rapida, disponibilità.

Riduzione dei costi
Non è necessario acquistare costose apparecchiature server, occuparsi della loro manutenzione e pagare i costi associati all’elettricità del servizio. 
Con il cloud, si riducono inoltre le spese operative poiché gli specialisti DevOps e gli amministratori di sistema non dedicano tempo ai backup e alla manutenzione dell’hardware. 
I fornitori di servizi cloud offrono prezzi con pagamento in base al consumo, il che significa sostenere solo la spesa per la potenza di calcolo utilizzata.

Scalabilità
Avendo carichi di lavoro nel cloud, si può rispondere rapidamente ai picchi di domanda e ridurre la capacità quando è necessario. 
Tutto ciò viene fatto automaticamente e non richiede molto tempo e fatica. 
Con l’hosting on-premise, si dovrebbero invece acquistare apparecchiature aggiuntive e installarle per aumentare la capacità. 
Ma una volta superato un picco di carico, bisogna comunque pagare per le risorse ridondanti che consuma.

Sicurezza
Fornitori affidabili aggiornano regolarmente i propri servizi seguendo i più recenti standard del settore e rispettando le normative. Tali misure hanno lo scopo di ridurre il rischio di attacchi informatici nei confronti del cliente. 
Secondo le previsioni di Gartner, fino al 99% dei fallimenti nella sicurezza del cloud da oggi al 2025 sarà colpa degli utenti.

Affidabilità
È vero che non tutte le distribuzioni cloud procedono senza intoppi. Potrebbero esserci alcuni problemi con l’hardware e i tempi di inattività. 
Tuttavia, la migrazione al cloud è anche un passo affidabile per ridurre i tempi di inattività e abbassare il rischio di perdita di dati in futuro.
La maggior parte dei fornitori di servizi cloud dispone di accordi sul livello di servizio che garantiscono un tempo di attività del 99%. 
Inoltre, i fornitori sono responsabili dei backup e del ripristino di emergenza, il che può far risparmiare molto tempo al team.

Implementazione rapida
Dal punto di vista della crescita aziendale, il cloud offre opportunità illimitate per le organizzazioni. 
Riguarda anche il ritmo dell’innovazione digitale.
Con la flessibilità tecnologica offerta dai fornitori di servizi cloud, i gruppi di sviluppo possono ottimizzare e accelerare i flussi di lavoro. 

Disponibilità
Il cloud computing consente di accedere alle applicazioni da qualsiasi parte del mondo e in qualsiasi momento.
Ciò significa che le aziende possono offrire ai propri dipendenti un programma flessibile, effettuando una transizione graduale al lavoro da remoto. 

Le strategie di migrazione al cloud

Una strategia cloud chiara, inequivocabile e trasparente è fondamentale per il successo della trasformazione di un’organizzazione IT. La creazione serve ad allineare i vari team di un’azienda a un piano coerente che informa e guida l’adozione dei servizi cloud.

Tradizionalmente note come “6R”, il processo di migrazione prevede:

1. RETIRE

L’identificazione di tutto ciò che nel tuo ambiente aziendale può potenzialmente migrare ti consente di valutare il valore del prodotto, del servizio o dell’applicazione. 
Identifica tutti gli utenti di ciascun elemento di migrazione e verifica cosa viene utilizzato e cosa no. 
Determinare cosa puoi ritirare aiuterà anche a risparmiare denaro su elementi che avrebbero dovuto essere precedentemente eliminati.

2. RETAIN

Alcuni elementi del tuo ambiente potrebbero non migrare ed essere mantenuti così come sono
Esistono molti motivi per mantenere un elemento interno, ad esempio superare il valore di ammortamento o il costo della migrazione è troppo elevato e la tua azienda può mantenere più valore utilizzando l’applicazione o il servizio sul campo. 
Mantenere alcuni aspetti IT on-premise è una scelta popolare per un servizio di cloud ibrido.

3. REHOST

Il rehosting è una popolare strategia di migrazione nota anche come “lift and shift”. È una soluzione rapida per la migrazione al cloud e sposta applicazioni, software e dati nel cloud con poco sforzo.
Il rehosting è popolare per le migrazioni iniziali perché comporta lo spostamento di server fisici e virtuali esistenti in una soluzione IaaS. 
Il modello IaaS ospita l’infrastruttura che si trova in genere nei siti, come i server, l’archiviazione e l’hardware di rete e offre un ambiente virtualizzato attraverso un livello hypervisor.
Il rehosting può portare le aziende a riprogettare l’architettura in futuro, una volta implementata un’operazione basata su cloud.

4. REPLATFORM

Le organizzazioni consolidate a volte hanno un sistema legacy troppo strutturato per passare alle piattaforme cloud IaaS.
Invece di modificare il nucleo delle applicazioni, le applicazioni vengono emulate tramite una macchina virtuale in modo che i sistemi IT legacy possano diventare compatibili con le moderne tecnologie cloud.
La sostituzione della piattaforma, sebbene a volte costosa, è un’opzione di gran lunga migliore per le aziende che non possono ristrutturare i sistemi IT legacy al momento della migrazione al cloud.

5. REPURCHASE

Il riacquisto, quando possibile, è un modo eccellente e veloce per accedere a SaaS basato su cloud, adattato alle esigenze aziendali dal fornitore di servizi cloud.
SaaS, o software come servizio, prende i dati e le applicazioni esistenti della tua azienda e li articola in un prodotto basato su cloud per aiutare a gestire le operazioni, come le risorse umane (HR), la gestione delle relazioni con i clienti (CRM) o la gestione dei contenuti (CMS).

6. REFACTORING e RE-ARCHITECT

Refactoring e re-architecting delle applicazioni e di solito è guidato da un’esigenza aziendale per aggiungere funzionalità o scalabilità.
Il refactoring/re-architecting spesso aumenta l’agilità, la continuità aziendale e la produttività e la collaborazione complessive.
Tuttavia, questa strategia tende ad essere la più costosa e di solito viene eseguita dopo una migrazione iniziale tramite uno degli altri approcci, come il rehosting.

Come scegliere la strategia di migrazione adatta alla propria azienda

Una migrazione basata su cloud è una soluzione eccellente, ma le aziende devono soppesare le opzioni e determinare la soluzione migliore.

Prima di iniziare il viaggio di migrazione, è importante sapere quale approccio aiuterà a raggiungere gli obiettivi.

Il vero lavoro sta nella pianificazione, ossia in quello che è possibile programmare prima di spostare effettivamente i dati nella nuova sede. Determinare una strategia in anticipo è fondamentale per il successo.

Se desideri conservare tutti i tuoi dati, allora l’approccio “Lift and Shift” potrebbe essere il più adatto. 

Saprai che questa è la strada da percorrere se, dopo aver completato gli audit (parte della fase di valutazione), tutti i dati nella tua istanza saranno utili e pertinenti per la tua attività attuale e i tuoi team continueranno a lavorare su tutti i tuoi progetti.

I prossimi passi saranno decidere se migrare i dati in più fasi o tutti in una volta e sviluppare un piano di test. Dovrai anche identificare alcuni beta tester e coinvolgerli nella sperimentazione. 

Se sei sicuro che in futuro non lavorerai con la maggior parte dei dati del tuo progetto server esistente, puoi scegliere l’approccio da zero, per configurare il cloud.

Puoi anche seguire questo approccio se desideri iniziare a lavorare immediatamente nel cloud e rivisitare la migrazione dei dati del server in un secondo momento.

Anche se tecnicamente non si tratta di una strategia di migrazione, visto che in realtà non stai spostando alcun dato, puoi utilizzare questo momento di “ripensamento ” per valutare come lavorano i team, come desideri configurare la piattaforma e sviluppare il piano di implementazione.

Optimize and Shift è la strategia utilizzata dalla maggior parte delle aziende perché consente di abbandonare tutto ciò che non funziona e migliorare ciò che funziona.

Nel mezzo dei metodi Lift and Shift e Start Fresh, questa strategia consente di valutare quali dati migrare nel cloud e quali lasciare sull’istanza del server per riferimento futuro in uno stato di sola lettura.

Si possono anche determinare di quali app hanno bisogno i team e ripulire progetti, spazi, flussi di lavoro o personalizzazioni inutili.

Ottimizzare per migrare è anche l’opportunità per rivedere e aggiornare le pratiche di governance ed evitare flussi di lavoro inefficienti.

Ancora una volta, il consiglio è di coinvolgere individui di più gruppi, per avere un supporto allargato nello sforzo di migrazione.

La chiave per una migrazione di successo è nella pianificazione anticipata, con obiettivi chiari a breve e lungo termine.

Sapere chi ha bisogno di accedere ai dati, quando e con quale frequenza, aiuterà a scegliere la giusta strategia di migrazione. Da lì, si potrà mappare ogni fase del piano e iniziare il percorso giusto nel viaggio verso la nuvola.

Migrare al cloud con IFI

I Servizi Cloud IFI trasformano l’azienda in una realtà efficiente e competitiva, pronta a cogliere tutte le opportunità del mercato.